Calcio e latticini…la bufala del secolo!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Calcio e latticini:la bufala del secolo

Quante volte hai sentito affermare che latte e formaggi sono indispensabili per la salute, per l’apporto di calcio e la prevenzione dell’osteoporosi nelle donne in menopausa? 

Quello che stai per leggere al riguardo probabilmente ti sorprenderà perché ribalterà completamente ciò che hai sempre creduto di sapere su questo argomento.

Ti consiglio di metterti comoda. 

Iniziamo col dire che fra i mammiferi, ogni specie animale ha il suo tipo di latte che è quindi definito specie-specifico. Il latte è l’alimento più completo anche per noi umani? Certamente sì!

Il latte materno è l’alimento più completo per il neonato e il bambino, così come il latte di mucca è l’alimento più idoneo per il vitello: il latte di mucca non è un alimento adatto al cucciolo di uomo e all’adulto.

Ecco perché: latte vaccino, rispetto a quello materno (in fase matura), contiene pochi zuccheri, più grassi e soprattutto il triplo delle proteine, questo perché un vitello in pochi minuti è in grado di camminare, mentre il cucciolo dell’uomo ha esigenze e tempi differenti. 

I problemi con i latticini sono fondamentalmente due e si chiamano: lattosio e caseina.

L’intolleranza al lattosio è determinata dalla fisiologica carenza o mancanza di lattasi, un enzima preposto alla scissione del lattosio in glucosio e galattosio.

La carenza enzimatica fa sì che il lattosio proceda intatto fino all’intestino crasso provocando così reazioni avverse di vario tipo (mal di pancia, diarrea, indebolimento del sistema immunitario, del sistema nervoso, ecc…).

L’intolleranza alla caseina, il complesso proteico contenuto nei latticini, soprattutto nei formaggi, è dovuta principalmente all’assenza o carenza della chimosina, l’enzima responsabile della sua digestione.

La caseina è una sostanza collosa capace di provocare meteorismo, gonfiore, diarrea, crampi, sonnolenza, orticaria, muco, arrossamenti cutanei, stanchezza generale, insufficienza respiratoria, calo della vista, dolori articolari, perdita della memoria e molto altro.

Ma quanto è importante il calcio?

Il calcio è il minerale più abbondante nell’organismo. Si trova per il 99% nello scheletro dove ha funzioni sia di sostegno che di riserva alcalina, e serve per formare ossa e denti oltre che per mantenerli in salute.

È fondamentale per il corretto funzionamento del cervello e dei muscoli, i quali possono contrarsi e rilassarsi grazie alla sua azione sinergica con altri elementi.

È implicato quindi anche nella regolazione del battito del muscolo cardiaco. Altre funzioni del calcio sono l’attivazione enzimatica, la trasmissione dell’impulso nervoso, la permeabilità delle membrane, la moltiplicazione e la differenziazione cellulare.

Dove prendo il calcio se non assumo latte e formaggi?

La cosa migliore è prenderlo dal mondo vegetale. Fra i cibi vegetali i semi di sesamo contengono 750 mg di calcio, noci 380 mg,mandorle 240 mg, fichi secchi 180 mg, spinaci 125 mg, cavoli 90 mg…

In realtà tutti i vegetali contengono calcio in proporzioni variabili.

È interessante scoprire poi che le verdure a basso contenuto di ossalati (crucifere: cavoli, verze, broccoli, cime di rapa, rucola) forniscono calcio ad elevata biodisponibilità (dal 49 al 61%); in confronto, il latte vaccino contiene una biodisponibilità compresa fra il 31 e il 32%.

A tal proposito è bene sapere che l’assorbimento di calcio viene ostacolato dall’assunzione contemporanea di troppi grassi e amminoacidi solforati, di cui sono ricchi i latticini (paradossale eh?!) oltre che dalla presenza di ossalati e fitati che sono contenuti in cereali e legumi.

Osteoporosi, calcio e latticini

Se il problema fosse il calcio, perché non si guarisce dall’osteoporosi mangiando latte e formaggi che pur ne contengono? Innanzitutto perché l’osteoporosi non è propriamente una malattia da carenza di calcio, ma da carenza di tessuto connettivo osseo generato da cattiva alimentazione e sedentarietà.

Le vere malattie da carenza di calcio si chiamano rachitismo (nei bambini) e osteomalacia (nell’adulto).

Inoltre, il calcio proveniente dai latticini rilascia scorie acide e costringe l’organismo, per mantenere il giusto PH nel sangue e nei tessuti, a ricorrere ai sistemi tampone, che utilizzano proprio il calcio e altri minerali contenuti principalmente nello scheletro (riserva alcalina).

Allora, credi ancora alla favola del latte che fa bene alla salute delle ossa?

 

A presto!

Carolina

Carolina Ballada

Carolina Ballada

Mi chiamo Carolina Ballada e sono l’ideatrice di “Bodytop”. La mia “mission” è quella di aiutarti a ritrovare un viso più giovane e un corpo più snello e rimodellato in soli 60 giorni, senza costringerti a fare la fame, massacrarti di esercizio fisico o ricorrere a soluzioni dolorose e invasive.

Lascia un commento!

Seguici su Facebook!

Richiedi una consulenza gratuita!

Carolina Ballada

Clicca sul pulsante sottostante per richiedere una consulenza completamente gratuita!

Scrivici ora!





Articoli Random

Sales Letter


PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA, IN OMAGGIO

PER TE LA RIVISTA DI PRESENTAZIONE DEL METODO!

Prenota la tua consulenza gratuita senza impegno!

Compila il form e scopri come diventare la versione migliore di te stessa!