Ma tutti questi cereali ci fanno davvero bene?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
mangiare cereali

Veniamo ora ad un argomento piuttosto spinoso…

Innanzitutto premetto che con questo articolo non è mia intenzione demonizzare nessun alimento, ma solo metterti al corrente dei tanti studi e delle tante ricerche scientifiche che non considerano la classica dieta mediterranea come la panacea di tutti i mali.

Ci sono anche molti medici di affermato livello che mettono in guardia dall’abuso di cereali, ma ovviamente guarda caso in TV ci finiscono sempre quelli che ti dicono che puoi  mangiare la pasta, il pane, una volta a settimana la  pizza e via dicendo.

Per prima cosa devi sapere che ci sono innumerevoli studi sulla pericolosità dell’assunzione quotidiana di questi alimenti, solo che questi studi non vengono praticamente mai diffusi in TV, sui giornali ecc., perché evidentemente si scontrano con gli interessi economici legati al settore alimentare, che notoriamente è uno dei maggiori business esistenti.

In TV sentirai sempre e solo parlare di dieta mediterranea e di quanto i cereali siano la fonte di carboidrati migliore e più sana per tutti.

Ogni volta che sento dire alla TV che noi in Italia abbiamo la migliore alimentazione del mondo mi viene da pensare a come mai non ci dicono anche che siamo il Paese europeo con più bambini obesi (nel mondo siamo secondi solo agli USA), che le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte in Italia e che negli ultimi 20 anni i malati di diabete sono aumentati del 70%!

Se veramente abbiamo la miglior alimentazione possibile, come si spiegano certi dati a dir poco inquietanti?

Nella nostra piramide alimentare classica i cereali sono alla base e si possono consumare praticamente senza limiti…

Sto parlando di tutte le farine, come pasta, pizza, pane ecc…

 Di tutti i cereali come grano duro, kamut, farro e via dicendo…

 Di tutti gli alimenti a base di farine, come dolci, merendine, brioche, biscotti, cracker, grissini, focaccine, pastelle e chi più ne ha più ne metta…

Tutti questi alimenti sono alla base della classica dieta mediterranea e vengono largamente consumati dagli italiani, anche nella versione “integrale” che non solo non fa meno male ma talvolta può risultare pure peggiore e gonfiarti come non mai a causa dei fitati.

Fino a una decina di anni fa anch’io, come tutti praticamente, consumavo regolarmente pane, pasta, pizza ecc., unica eccezione i dolci che fortunatamente non ho mai amato granché.

Sono sempre stata una sportiva e per mantenermi in linea facevo la classica dieta mediterranea “con un po’ di tutto”, quella che qualsiasi dietologo medio considera corretta.

Così facendo, anche se mi muovevo tanto e mangiavo poco, facevo molta più fatica di adesso a mantenermi in forma, nonostante fossi più giovane… per non parlare della cellulite che non mi dava tregua, anche se non salavo il cibo, ingurgitavo litri d’acqua e facevo il bagno nelle creme anticellulite…

Devi sapere che le statistiche ci dicono che oltre il 70% delle persone che si rivolgono al dietologo per dimagrire non riescono poi a raggiungere il loro obiettivo e abbandonano la dieta, mentre oltre l’80% di chi ce la fa nel giro di qualche anno torna più sovrappeso di prima.

Questione di forza di volontà che manca? Di menefreghismo? Niente affatto. Molte ricerche scientifiche in materia parlano chiaro: alcuni alimenti (leggi cereali e latticini) creano nell’organismo una sorta di dipendenza psicologica paragonabile a quella di droghe e sigarette.

Ecco perché molte persone che seguono le classiche diete da 1200/1300 KCAL che prevedono “un po’ di tutto”, vale a dire poco pane, poca pasta, pochi formaggi “magri”, poco latte, yogurtino magro a merenda, 4 fette biscottate con un velo di marmellata a colazione, pizza una volta a settimana ecc., non riescono a raggiungere il loro obiettivo.

Queste persone nel 80% dei casi perdono peso all’inizio ma poi tornano a mangiare come e più di prima, specialmente pasta, pizza, pane, dolci ecc., ossia tutti quegli alimenti che durante la dieta dovevano limitare.

Te lo dico senza tanti giri di parole: se vuoi raggiungere il tuo obiettivo e mantenere la forma fisica per sempre, questi alimenti inizialmente non vanno ridotti ma vanno proprio eliminati.

Questo perché si tratta di alimenti che intossicano l’organismo, fanno trattenere una quantità enorme di acqua nei tessuti (causa della tanto odiata cellulite!) e soprattutto creano dipendenza psicologica, pertanto è difficilissimo “limitarli” perché continuando ad assumerli ne avrai sempre voglia.

Detto questo, ti voglio spiegare un po’ di cose riguardo ai tanto osannati cereali.

Innanzitutto l’uomo non ha sempre mangiato cereali ma ha iniziato in un momento specifico della storia, come i resti umani ci mostrano.

In pratica l’uomo ha iniziato a usare i cereali circa 10000 anni fa con l’avvento dell’agricoltura.

10000 anni possono sembrare un’eternità, ma si deve considerare che parlando di evoluzione della specie 10000 anni sono un tempo brevissimo: un puntino su una retta.

In pratica l’uomo ha vissuto per il 99% del tempo senza cereali, sviluppando un DNA adattato a cibi reperibili in natura che nulla avevano a che fare con farine & co.

Fatalità sempre 10000 anni fa, con l’introduzione dell’agricoltura, hanno iniziato a svilupparsi centinaia di malattie che fino a quel momento non esistevano.

Questo cambiamento nell’alimentazione fu un punto di non ritorno per il genere umano.

In pratica, dall’avere un’alimentazione varia composta da soli alimenti naturali e selvaggi, siamo passati a ricavare l’80% dei nostri nutrienti dai soli cerali.

Non è difficile immaginare come questo drastico cambiamento abbia influito notevolmente sullo stato di salute dell’essere umano, dando origine a tutta una serie di patologie croniche e semplici infiammazioni sconosciute fino a quel momento.

L’avvento dei cereali sulle nostre tavole ha tolto molto spazio a vegetali, frutti, bacche, carni e alimenti che prima venivano consumati al posto dei cereali.

C’è da dire che la ragione principale di tutto questo è da ricercarsi nel fatto che molte proteine dei cereali sono dannose per l’uomo, vedi il glutine.

 Ti sei mai chiesta il perché di tutte queste intolleranze alimentari di cui sentiamo parlare e che aumentano sempre di più?

 Il glutine è incompatibile con l’uomo e causa problemi più o meno gravi specie a livello di intestino. Alcune persone, più sensibili di altre, ad un certo punto iniziano a non tollerarlo più.

Tra l’altro c’è da dire che contrariamente a quanto ci raccontano da anni, i cereali sotto il profilo nutrizionale sono poverissimi quasi in tutto.

Contengono un po’ di potassio e magnesio (poco, molti alimenti ne contengono assai di più!), mentre altri nutrienti in essi presenti non sono biodisponibili per il corpo umano.

L’unica nota positiva è quella del portafoglio: si tratta di alimenti che costano poco e consentono di sfamare molte persone.

 Non è un caso che storicamente parlando con l’introduzione dell’agricoltura e delle coltivazioni di cereali la popolazione mondiale sia cresciuta a dismisura. Per farti un esempio il pane oggi fornisce da solo il 50% del nutrimento a livello globale.

Ma allora tu, che vuoi perdere peso, come ti devi comportare con questi cereali? Li devi eliminare per sempre?

Come ti dicevo, in un primo momento vanno totalmente eliminati. Per i primi 30/40 giorni c’è bisogno di lavorare molto a livello di detossinazione e quindi non puoi continuare ad assumere cibi che generano infiammazione, nemmeno in piccole quantità. Altrimenti ti ritroverai come quell’enorme fetta di persone che fallisce seguendo il classico dietologo “tradizionale”.

In soli 30/40 giorni con i piani alimentari del metodo perderai da una a due taglie, aumenterai il metabolismo, aumenterai la massa magra, ti sentirai incredibilmente più leggera ed energica e vedrai scomparire tanti piccoli disturbi, dal mal di testa alla stanchezza cronica, ai problemi di pelle come acne e dermatiti, dal colesterolo elevato alla glicemia, ma non solo… vedrai migliorare sensibilmente cellulite, emorroidi, gonfiore addominale…

Insomma vale davvero la pena di provare!

Queste sono le ragioni per cui, visti gli innumerevoli benefici, una volta provato le persone che seguono il metodo non riescono più a tornare a mangiare come facevano prima.

Una volta toccati con mano i benefici, una volta capito quanto meglio si può stare, non si riesce più a fare a meno di uno stile di vita incredibilmente salutare.

Questo non significa non mangiare mai più questi alimenti, anche perché viviamo in Italia e non essendo eremiti a tutti noi capita di ritrovarsi a mangiare una pizza o di aver voglia di “sgarrare”, ma farlo occasionalmente è un conto, alimentarsi giornalmente così è un altro!

Provare per credere 😊

 

A presto,

Carolina

Carolina Ballada

Carolina Ballada

Mi chiamo Carolina Ballada e sono l’ideatrice di “Bodytop”. La mia “mission” è quella di aiutarti a ritrovare un viso più giovane e un corpo più snello e rimodellato in soli 60 giorni, senza costringerti a fare la fame, massacrarti di esercizio fisico o ricorrere a soluzioni dolorose e invasive.

Lascia un commento!

Seguici su Facebook!

Richiedi una consulenza gratuita!

Carolina Ballada

Clicca sul pulsante sottostante per richiedere una consulenza completamente gratuita!

Scrivici ora!





Articoli Random

ma soia e legumi fanno bene?

Ma soia e legumi in genere fanno davvero così bene?

Quante avrai sentito qualche “esperto” di alimentazione dire in TV che dobbiamo mangiare tante proteine vegetali che ci fanno tanto bene??
In genere l’invito è sempre quello di rimpinzarsi quotidianamente di cereali (magari integrali) soia e legumi.
Ma è davvero così salutare consumare questi cibi e per di più in abbondanza?

continua a leggere
Sales Letter


PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA, IN OMAGGIO

PER TE LA RIVISTA DI PRESENTAZIONE DEL METODO!

Prenota la tua consulenza gratuita senza impegno!

Compila il form e scopri come diventare la versione migliore di te stessa!